Il sistema Confindustriale toscano intende rispondere unito alla sfida della digitalizzazione delle imprese.

La costituzione del Digital Innovation Hub Toscana è stata infatti deliberata all’unanimità dal Consiglio di Presidenza di Confindustria Toscana e ne sono soci fondatori Confindustria Toscana, Confindustria Firenze, Confindustria Toscana Nord, Unione Industriale Pisana, Confindustria Toscana Sud, Confindustria Livorno-Massa Carrara e ANCE Toscana.

Come si muoverà il DIH toscano

Compito del Digital Innovation Hub toscano sarà di fare da regia, essere elemento catalizzatore, dare visione strategica, oltre a coordinare e valorizzare le specificità locali, evitando duplicazioni e sovrapposizioni a livello regionale ed utilizzando le elevate competenze complementari già presenti nel sistema confindustriale toscano.

Il presidente Pacini, in margine alla riunione del Consiglio di presidenza, ha espresso “grande soddisfazione per l’importante risultato raggiunto dal sistema confindustriale toscano che si presenta compatto di fronte alla sfida di Industria 4.0.”

“Ci aspettano mesi di grande lavoro,” ha proseguito il presidente, “per supportare le nostre imprese, soprattutto le piccole e medie, che vogliono investire in tecnologia e innovazione; su questi temi, continueremo a dialogare con tutti i soggetti interessati, a partire dalla Regione, con la quale intendiamo intensificare la collaborazione già avviata, nel rispetto di ruoli e competenze reciproci.”

Il DIH Toscana sarà inoltre il soggetto competente a dialogare con il sistema universitario toscano e i centri di ricerca, al fine di agevolare l’incontro tra la domanda e l’offerta di innovazione.