E’ stato calcolato che nel mondo ogni giorno produciamo 2,5 quintilioni di nuovi byte e che il 90% di tutte le informazioni mai create è stato sviluppato negli ultimi due anni.

Questo volume di informazioni prodotte costituisce un valore potenziale elevatissimo: il motore dell’economia e dell’innovazione dei prossimi anni sarà la capacità di analizzare e correlare queste informazioni in tempo reale.

Rapidamente stiamo passando dai Big Data, nei quali una grande quantità di informazioni veniva raccolta e depositata in un database, ai Fast Data, dove le informazioni, le conoscenze sono analizzate in streaming; dunque, non è solo la raccolta dei dati ad essere veloce, ma anche la loro elaborazione.

La missione? Risolvere problemi

Radicalbit, azienda italiana che sviluppa soluzioni Fast Data, è pronta a presentare due nuovi prodotti entrambi basati sulle più recenti tecnologie e architetture in streaming: una piattaforma per la generazione di analytics predittivi in real time e un database sviluppato attorno al concetto di streaming.

Effettuare analisi previsionali, per anticipare gli eventi e ottenere un vantaggio di business è ormai per le aziende una necessità.

I sistemi di predictive analytics possono essere impiegati in ogni settore economico per risolvere problemi o affinare metodologie di business come ad esempio: previsione di possibili guasti, segmentazione della clientela sulla base delle abitudini di acquisto o addirittura sul suo comportamento in negozio (attraverso video analytics è possibile studiare il comportamento di un cliente di fronte ad uno specifico oggetto e trarne delle conclusioni probabilistiche), gestione di un magazzino e previsione di ordini e di eventuali criticità.

Ma quali sono le possibili applicazioni? I settori che richiedono un approccio in real time, sono, tra gli altri, oltre all’Industria e utility 4.0, cybersecurity e rilevazioni di frode, sicurezza pubblica, transazioni finanziarie, applicazioni industriali e logistiche automatizzate.