Immaginare e costruire un nuovo umanesimo tecnologico grazie alla connessione tra imprese e startup nei campi della Big Data, Intelligenza Artificiale, Cyber security, Biotech e Industria 4.0.

È questa la missione dell’Heroes Prize Competition, festival Euro-Mediterraneo dedicato a innovazione e impresa.

L’appuntamento è per i prossimi 21, 22 e 23 Settembre nell’incantevole cornice di Maratea, tra panorami mozzafiato, grotte e acque cristalline.

La manifattura additiva “senza cinghie”

Roboze, protagonista nella progettazione e produzione di sistemi di manifattura additiva, è stata chiamata a partecipare per portare la propria esperienza nell’ambito del programma Industria 4.0.

La società è nota per l’alto contenuto tecnologico delle proprie soluzioni, associate ad un’offerta di materiali super-performanti per l’industria dell’aviazione, difesa, spazio e manifattura.

Alessio Lorusso, CEO & Founder di Roboze

A rappresentare il Gruppo, il giorno 22 settembre, Alessio Lorusso, CEO & Founder di Roboze, imprenditore e visionario nel campo della manifattura additiva che a soli 17 anni costruisce la prima stampante 3D “senza cinghie” dedicato alle PMI di tutto il mondo.

Installazioni in quattro continenti

L’obiettivo di Roboze è di rendere accessibili soluzioni avanzate di stampa 3D volte a favorire l’accelerazione dell’Industria 4.0 con un’offerta di super-polimeri per la produzione di parti finite e sostituzione dei metalli.

Le soluzioni Roboze sono state scelte dai maggiori players in ambito additive manufacturing nel mondo, come GE Global Research, Airbus, Elbyt System, Mecaer Aviation Group e altre, per applicazioni nei campi dell’aviazione, della difesa e del motorsport.

In soli due anni Roboze ha visto installare le sue macchine in quattro continenti, supportata da rivenditori strategici partner per ogni area a livello globale.