Le aziende che producono cibo, bevande e beni di largo consumo devono oggi affrontare una serie di difficoltà, che possono avere un potenziale impatto sulla loro capacità di generare prodotti.

Le normative ambientali e di sostenibilità più stringenti portano a sostenere costi energetici più alti; la resa di produzione deve essere sempre migliorata, per rispondere a una domanda sempre più variabile; infine, ognuna di queste sfide deve essere affrontata mantenendo la qualità del prodotto e rispettando gli standard di sicurezza, per evitare di dover effettuare richiami e conservare la fiducia dei consumatori.

Schneider Electric ha perciò presentato tre nuove soluzioni verticali per il settore.

La prima si chiama Energy Performance for manufacturing: trasforma dati provenienti dalle fonti più diverse in informazioni utili a guidare azioni che ottimizzino la gestione e il consumo dell’energia, e supportino le iniziative per la sostenibilità. La disponibilità di informazioni contestualizzate e data–driven permette di ridurre i consumi energetici identificando rapidamente le fonti più importanti di inefficienze, migliorando anche i profitti. Il monitoraggio in tempo reale della qualità dell’energia elettrica e dell’affidabilità della rete permette di fare analisi che individuino la causa scatenante di eventuali problemi; le situazioni più critiche dal punto di vista elettrico, possono essere identificate facilmente, prima che si producano danni ad apparecchiature sensibili che risultino in fermi di produzione non pianificati.

La seconda, la soluzione Advanced Process Control (APC), progettata per processi multivariati come l’evaporazione e l’essiccazione spray, migliora la resa di produzione e la qualità. Controlli automatici, predittivi e in closed loop assicurano che il processo stia producendo al livello ottimale, sulla base di una lettura in tempo reale delle variabili, massimizzando di conseguenza i profitti. Una delle più grandi aziende casearie al mondo ha implementato APC nei suoi impianti di produzione per ottimizzare l’asciugatura spray e ha ottenuto un incremento del 10% nel troughput e una riduzione dell’8% nel consumo di energia, registrando zero violazioni della qualità del prodotto.

Infine, Label Assurance: questa soluzione ispeziona e valida le etichette delle confezioni confrontandole con lo SKU previsto già a livello di linea di packaging, riducendo il rischio di dover richiamare prodotti a causa di errori di etichettatura e della presenza di allergeni non dichiarati. Con Label Assurance si può controllare il 100% delle etichette in modo automatico. La soluzione aggiorna i dati acquisiti con lo scanner direttamente nell’ordine di lavorazione, producendo report relativi alle performance di etichettatura in tempo reale. Questo permette ai tecnici di compiere facilmente le analisi necessarie a migliorare in modo continuo il processo, risparmiando molto tempo grazie al fatto di non dover cercare le informazioni necessarie fra enormi quantità di dati grezzi.