Rosenberger Optical Solutions & Infrastructure (Rosenberger OSI), produttore di infrastrutture di cablaggio basate su fibre ottiche, ha portato a termine la realizzazione di un nuovo data center per la Deutsche Vermögensberatung AG (DVAG) a Francoforte, il maggiore fornitore di consulenza finanziaria indipendente della Germania con circa sei milioni di clienti.

Rosenberger OSI ha operato sia come general contractor sull’intero progetto per la pianificazione dei cablaggi e l’installazione di cavi in rame e fibra ottica, sia come responsabile della consegna e dell’installazione dei rack, dei corridoi di raffreddamento e dei refrigeratori di fila.

“Il supporto degli esperti di Rosenberger OSI ci è stato di grande aiuto, anche durante la fase di progettazione, perché grazie alla consulenza intensiva e in parte anche cross-funzionale, siamo stati in grado di superare numerosi ostacoli in modo proattivo durante le singole fasi di costruzione”, ha dichiarato Ronald Appel, responsabile del funzionamento del data center presso DVAG.

Cablaggio strutturato e flessibile

Dal punto di vista tecnico-strutturale il contenimento del “corridoio freddo” è composto da 72 rack server e 46 U con refrigeratori di fila. Inoltre, è stato realizzato un concetto di sicurezza a tre zone.

Il DVAG si è inoltre concentrato in modo coerente sui cablaggi strutturati. A questo scopo, Rosenberger OSI ha installato circa 30 km di cavi in rame e trunk SM (E2000) con 24 canali e una lunghezza della fibra di 1.824 metri nel nuovo data center.

Inoltre, il data center DVAG era dotato di 29 trunk LCC con una lunghezza totale del cavo di 743 metri. Altri 33 trunk MTP® con una lunghezza del cavo di 829 metri completano l’infrastruttura di cablaggio basata su una combinazione di modalità singola e multipla.

Utilizzando i rack SMAP-G2 1U e 5U, DVAG ha scelto anche una soluzione modulare altamente flessibile che offre la massima densità del rack.

“Il vantaggio decisivo è il tempo di installazione estremamente rapido della soluzione, poiché per la posa dei cavi non sono necessari specialisti aggiuntivi con strumenti speciali o dispositivi di misurazione”, ha spiegato il responsabile del progetto Slavko Mucic.