Il turismo 4.0 è sempre più realtà. CartOrange, la nota azienda italiana di consulenti di viaggio, è fra le realtà scelte come partner dall’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano, che dal 2014 studia l’impatto delle nuove tecnologie sull’evoluzione del settore travel nel nostro Paese.

Nel corso del 2018 l’azienda, specialista dei viaggi esperienziali su misura, collaborerà con l’Osservatorio in particolare sul tema della consulenza di viaggio: una professione che CartOrange ha portato per prima in Italia quasi vent’anni fa, e che da allora si è sviluppata fino a rappresentare una delle proposte più originali ed evolute nel panorama delle professioni legate ai viaggi organizzati.

La particolarità di CartOrange di operare attraverso i Consulenti per Viaggiare, consulenti di viaggio altamente qualificati che realizzano proposte di viaggi su misura, studiando mete particolari a seconda dei desideri dei clienti e arricchendo la vacanza con esperienze tematiche autentiche. In più offrono il valore aggiunto della vendita a domicilio, incontrando i clienti a casa, con orari flessibili, per pianificare in modo personalizzato ogni dettaglio del viaggio. A oggi i consulenti CartOrange sono oltre 450 in tutta Italia e, secondo i piani dell’azienda, supereranno i 700 entro il 2020.

“I consulenti di viaggio hanno anticipato una tendenza e rispondono perfettamente alle esigenze dei viaggiatori 4.0, sempre più digitali e connessi” afferma l’amministratore delegato di CartOrange Gianpaolo Romano. “Oggi, infatti, se da un lato reperire informazioni e organizzare un viaggio online in poco tempo è alla portata di tutti, i consumatori più consapevoli riconoscono che per organizzare viaggi strutturati, come vacanze esperienziali, tour a lungo raggio e viaggi di nozze, i siti di prenotazione, i social e le recensioni non bastano più”.

Tornano quindi ad avere valore le componenti consulenziali e di servizio che sanno offrire solo gli esperti del settore, “professionisti” sottolinea Romano “che oggi devono essere flessibili, saper cogliere i trend, usare in modo intelligente gli strumenti digitali, non più per vendere viaggi preconfezionati ma per costruire da zero un prodotto unico a partire dai desideri, anche latenti, del cliente”.

La collaborazione con l’Osservatorio Innovazione Digitale del Politecnico di Milano prevede un lavoro approfondito su tutti questi temi. Alcuni risultati della ricerca saranno presentati nel corso di TTG Travel Experience, che si terrà a Rimini dal 10 al 12 ottobre, mentre il rapporto sarà presentato al Politecnico il prossimo gennaio.