Il 5G esce dai laboratori e entra nella fase di implementazione. TIM, Fastweb e Huawei hanno presentato i primi scenari d’uso di realtà virtuale e realtà aumentata nell’ambito della sperimentazione della tecnologia 5G promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico. La presentazione anticipa di un mese le tempistiche dichiarate al lancio del progetto e rappresenta la prima declinazione concreta del 5G nel nostro Paese.

La dimostrazione dei primi scenari d’uso live, che segue l’accensione delle prime antenne 5G a Bari e Matera, rappresenta un momento di svolta del progetto, che prevede di raggiungere nelle due città una copertura del 75% della popolazione già entro la fine di quest’anno per arrivare ad una copertura integrale entro il 2019. L’obiettivo è quello di trasformare questi territori in un vero e proprio laboratorio digitale.

In pratica sono state mostrate le potenzialità della rete 5G in termini di capacità di trasmissione, di significativa diminuzione della latenza e di direzionalità del segnale sui terminali in movimento attraverso le prime applicazioni legate alla realtà virtuale per il turismo digitale e alla realtà aumentata a supporto dei processi produttivi e dell’Industria 4.0.

Quest’ultima è stata presentata a Bari da Michele Gramegna, Responsabile Attività Industriali Isotta Fraschini Motori. Si tratta di una soluzione di realtà aumentata per la manutenzione dei motori delle navi sviluppata dal Consorzio Bari-Matera 5G. Grazie all’utilizzo di uno Smart Helmet e alle performance della rete, ad alta velocità e bassa latenza, è possibile fornire assistenza remota agli operai impegnati nelle attività di montaggio e smontaggio del motore di una nave, attraverso l’assistenza e la ricezione di indicazioni tridimensionali che si sovrappongono all’immagine del motore. L’applicazione consente quindi una maggiore velocità, efficacia e qualità delle attività manutentive e formative del personale.

“La nuova rete 5G di Bari e Matera è una delle prime installazioni in Europa e nel mondo e permette di offrire prestazioni innovative e di eccellenza che abilitano nuovi scenari applicativi”, ha dichiarato Saverio Orlando, Responsabile Technology di TIM.