L’Its Recanati inaugura ad Ascoli Piceno un nuovo corso biennale, che formerà il tecnico superiore in Smart Technologies per la meccatronica e domotica, un profilo innovativo che nasce dalla fusione di tre figure professionali, il tecnico per l’automazione industriale, il tecnico elettronico e il tecnico dei materiali innovativi (in foto d’apertura, alcuni diplomati dell’Its Recanati).

È una figura in linea con le competenze richieste da Industria 4.0, poiché integra conoscenze legate all’automazione, all’IoT, alla robotica industriale, alla lavorazione dei materiali innovativi e all’IT e sviluppa una serie di soft skill legate al problem solving e al team building.

In particolare, il tecnico specialista in materiali compositi innovativi, fibre di carbonio che conferiscono al contempo leggerezza, resistenza e flessibilità (a scocche e telai di automotive e aerospaziale, ad esempio), si inserisce in un ambiente di lavoro di macchine automatiche che, connesse fra loro da una sofisticata sensoristica, sono collegate a software che ne elaborano i dati raccolti per autocorreggersi.

L’eccellenza italiana nei materiali compositi

«L’Italia è sempre stata eccellente nello sviluppo di materiali compositi, si pensi alla grande chimica italiana, ma paradossalmente è una materia che si studia poco anche se è molto complessa. Il nostro è uno dei primi corsi per formare tecnici che conoscano bene i materiali e le condizioni di produzione, dentro sistemi automatici digitalizzati. In pratica, sono operatori che devono saper programmare una macchina, leggerne la restituzione dei dati, intervenire se necessario con correzioni e conoscere anche le tecniche di produzione, ad esempio la polimerizzazione in un’autoclave. Si tratta di una formazione mista tra l’oggetto che si crea e le macchine che lo governano. Siamo convinti che questa figura con competenze integrate troverà sempre più spazio nelle aziende innovative del territorio», racconta Mauro Guzzini, presidente della Fondazione Its Recanati.

L’azienda capofila del corso, co-progettato e co-gestito da scuola e impresa secondo il modello duale tedesco, è HP Composites di Ascoli Piceno, un’azienda giovane e in crescita, con 300 dipendenti, che progetta e produce componenti in materiali innovativi per l’automotive e l’aerospaziale.

«Il corso prevederà anche nozioni di project management e gestione della commessa e, a monte, i fondamentali dei processi produttivi, perché non basta avere tecnologie avanzate per ottimizzare e migliorare la produzione. Se non si disegna la produzione in modo lean, ad esempio, sensoristica e software si limitano a registrare gli sprechi e le inefficienze senza correggere i flussi produttivi», avverte Guzzini.

Prototipo per parapendio a motore, scelto per il Maker Faire di Roma

Gli altri tre corsi attivi della Fondazione Recanati sono quello di Recanati per i servizi all’impresa, quello di Pesaro per il sistema casa e quello di Ancona per la meccatronica.

In particolare gli studenti del corso di Ancona hanno realizzato un prototipo di dispositivo per aumentare i livelli di sicurezza e affidabilità nella guida del parapendio a motore, in collaborazione con Vittorazi Motors di Morrovalle, azienda locale del settore aeronautico e il dipartimento di Management dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

L’innovativa soluzione hardware consente di registrare i parametri del motore, come la temperatura della testata, dei gas di scarico e il numero di giri sia in volo che a terra, dando informazioni preziose al servizio di manutenzione. È stato selezionato tra i 25 migliori progetti scelti per partecipare alla Maker Faire di Roma, in programma dal 12 al 14 ottobre prossimi.

Dove altro si studiano i materiali compositi

Altri Its che formano tecnici superiori in materiali compositi avanzati sono l’Its Maker di Fornovo di Taro, in provincia di Parma, che utilizza anche la stampa 3D per le aziende dell’automotive, motor sport, aeronautica e aerospaziale (in partenza la terza edizione) e la Fondazione JobsAcademy di San Paolo D’Argon in provincia di Bergamo, quest’anno alla seconda edizione.

Microsoft, Randstad e Its Tech Talent Factory insieme per il Cloud

La Fondazione Its Tech Talent Factory ha progettato il corso ad alto contenuto innovativo per il tecnico superiore per la progettazione e lo sviluppo di soluzioni cloud per il web e mobile, in collaborazione con Randstad e Microsoft.

Gli studenti del corso biennale, che si svolgerà a Milano (candidature entro il 15 ottobre), impareranno a progettare e realizzare soluzioni applicative scalabili ed efficienti sulle principali piattaforme Cloud presenti sul mercato, a sviluppare attraverso i linguaggi di programmazione per applicazioni web e mobile e a progettare basi di dati con diverse tipologie di database.

«Le imprese hanno sempre più bisogno di figure specializzate con adeguate competenze tecniche e tecnologiche, ma spesso queste professionalità sono difficili da reperire sul mercato», commenta Marco Ceresa, AD di Randstad Italia.

«Con questi percorsi formativi, ci impegniamo a colmare questo divario, formando giovani con profili qualificati nell’IT, dotati di attitudini trasversali e capacità critica e rafforziamo la nostra offerta formativa sulle competenze professionali del futuro. Gli Its, inoltre, sono una importante porta d’accesso al mercato del lavoro per i ragazzi più meritevoli: due candidati della scorsa edizione, ad esempio, saranno assunti a breve in Randstad, a dimostrazione di come questi percorsi diano la possibilità concreta di acquisire abilità pratiche molto richieste e mettersi in mostra davanti alle aziende».