480 nuove minacce al minuto e un forte aumento dei malware che hanno colpito i dispositivi IoT. E’ uno scenario a tinte fosche quello che emerge dall’ultimo report di McAfee Labs, sul terzo trimestre 2018.

I fronti di attacco

Gli account email violati si confermano di particolare interesse per i criminali informatici in quanto vengono utilizzati per ripristinare le credenziali di accesso ad altri servizi online. I criminali informatici hanno poi spostato la loro attenzione dai sistemi dei punti vendita alle piattaforme di pagamento dei grandi siti di e-commerce.

I criminali informatici hanno preso atto del crescente volume e della scarsa sicurezza di molti dispositivi IoT e hanno iniziato a concentrarsi su di essi. Le nuove minacce informatiche mirate ai dispositivi IoT sono cresciute del 72%, con un aumento del 203% del malware totale negli ultimi quattro trimestri.

Inoltre, i forum degli hacker forniscono ai criminali informatici il luogo adatto in cui discutere con i loro pari di argomenti legati alla criminalità informatica.

Cosa accadrà e cosa fare

“I criminali informatici forti dei successi che continuano ad ottenere con attacchi che prevedono il pagamento di riscatti, o con semplici attacchi come nei casi delle campagne di phishing, continueranno ad usare queste tecniche”, ha dichiarato Christiaan Beek, Lead Scientist di McAfee. “Seguendo le tendenze emergenti nei mercati clandestini e nei forum nascosti i responsabili della sicurezza informatica sapranno come continuare a difendersi dagli attacchi attuali e rimarranno un passo avanti nei confronti di quelli futuri”.