È in parte merito anche di Creo, la suite CAD/CAM/CAE 3D per la progettazione meccanica di PTC, il prestigioso riconoscimento ottenuto da Mia, la mano robotica Made in Italy progettata da Prensilia in collaborazione con Elastico Disegno, che si è aggiudicata il Red Dot Design Award 2019, premio internazionale che incorona ogni anno i prodotti e i progetti di design più innovativi.

Dal punto di vista tecnico Mia può essere definito un end-effector elettrico antropomorfo, con funzionalità simili alla mano umana.

Il successo del progetto Mia nasce dalla combinazione di una serie di elementi, primo tra tutti la stretta collaborazione tra i due team degli ingegneri di Prensilia e di Elastico Disegno che, avvalendosi anche della piattaforma di progettazione Creo di PTC, hanno potuto operare in modalità collaborativa per mettere a frutto efficaci sinergie.

Grazie a Creo è stato possibile raccordare le esigenze progettuali legate alle funzionalità meccaniche dell’arto con quelle legate a design, estetica ed ergonomia. Sotto questo aspetto si è dimostrata vincente la funzionalità Freestyle di Creo, mediante la quale è possibile creare superfici e forme libere mediante funzionalità di modellazione sottodivisionale che, concettualmente, consentono al designer di operare sulle geometrie come se stesse manipolando un blocco di plastilina.

Dal punto di vista biomedico, Mia verrà abbinata ad un impianto permanente, con i sensori che ne controllano il movimento chirurgicamente collegati ai muscoli ed alle terminazioni nervose della parte restante dell’arto.

Questo carattere di permanenza dell’impianto e la maggiore flessibilità nel controllo della mano hanno orientato le scelte di design in funzione di nuove esigenze motorie e di un maggior livello di protezione delle delicate parti meccaniche, dei circuiti elettrici e delle batterie. Un morbido materiale siliconico ricopre i polpastrelli, permettendo un livello superiore di usabilità, mentre una copertura nera in plastica rigida protegge parte delle dita, il dorso e il palmo della mano, dove sono alloggiati motori e circuiti elettrici.