Il continuo sviluppo e la rapida trasformazione delle tecnologie su cui imprese e istituzioni basano le proprie attività generano rilevanti cambiamenti nel mercato e un’attenzione progressivamente maggiore ai rischi ad essi connessi. Le organizzazioni si trovano quindi a dover affrontare complesse sfide di obsolescenza tecnica e, contemporaneamente, problemi di sicurezza dei dati, per affrontare le quali diventano sempre più necessari nuovi profili professionali, che uniscano competenze tecniche, manageriali e legali.

A queste esigenze si prefigge di andare incontro il corso di Laurea Magistrale in Cyber Risk Strategy and Governance, che l’Università Bocconi e il Politecnico di Milano, unendo le proprie peculiari competenze specializzate, inaugurano per l’anno accademico 2019-2020. L’obiettivo è quello di preparare una nuova categoria di esperti nel campo della Cyber Security, in grado di intercettare tempestivamente i rischi e prevenirne l’impatto rovinoso sulle organizzazioni pubbliche e private, cogliendo con efficienza le opportunità di lavoro emergenti.

Si tratta di un corso biennale, svolto in inglese e altamente interdisciplinare, che unisce nozioni tecniche informatiche e metodi analitici con scienze sociali come management, economia, diritto, etica e soft skill. La prima coorte sarà composta da circa 40 candidati con background multidisciplinari come informatica, ingegneria, management o economia, al fine di prepararli ad entrare nel mercato del lavoro in aziende, istituzioni finanziarie, società di consulenza ed altre organizzazioni in settori pubblici e privati.

I profili principali che il corso punta a formare sono quello del Cyber Risk Manager, che si occupa di gestire il rischio informatico a livello organizzativo al fine di governarlo progettando e implementando strategie ad hoc, e quello del Data Protection and Security Manager, esplicitamente richiesto dalle normative sulla protezione dei dati in tutto il mondo, che si occupa di protezione dei dati, gestione della privacy e conformità al fine di governare questa tipologia di rischio in particolare.

NTT DATA, per cui la Cyber Security è una delle principali linee di business e che da sempre si impegna e investe nella formazione delle nuove generazioni, partecipa a questo importante progetto finanziando alcune borse di studio per gli studenti particolarmente meritevoli.

“La carenza di professionalità qualificate nell’ambito della Cyber Security è un problema che accomuna l’Italia al resto del mondo. Per questo NTT DATA ritiene fondamentale fornire il proprio contributo nella formazione di quelli che saranno i futuri Cyber Risk Manager.”, ha dichiarato Dolman Aradori, VP Security in NTT DATA. “ L’iniziativa messa a punto da Bocconi e Politecnico ben si sposa con la storia di NTT DATA in questo settore, caratterizzata dalla capacità di coniugare competenze tecniche con un approccio manageriale alla problematica, il tutto con uno sguardo internazionale ed una visione completa dei fenomeni che la compongono.”