L’Industrial Internet Consortium (IIC) lancia un nuovo programma per favorire l’adozione dell’IIoT nell’industria ed aiutare gli utenti IT e OT a risolvere i problemi reali che si trovano ad affrontare nelle loro aziende.

Il programma, denominato IIC Accelerator Program, comprende diverse iniziative pensate per far presa sugli utenti finali della tecnologia IoT, stimolare la discussione con i loro pari, ottenere consigli dagli esperti dell’IIC, o cercare assistenza per la risoluzione di problemi tecnici complessi.

Con l’Accelerator Program, l’IIC consente agli utenti finali della tecnologia IIoT di ottenere risultati tangibili, assistendoli nell’intero percorso, dall’ideazione all’implementazione, mediante la definizione dei problemi, l’identificazione delle tecnologie, l’offerta di una piattaforma neutrale per l’innovazione e la realizzazione di progetti pilota. Si apre così una nuova strada per i vendor e gli integratori di sistema affinché possano sviluppare, testare e offrire soluzioni agli utenti finali della tecnologia IIoT in tutti i settori, promuovendo un vivace ecosistema di sviluppo di soluzioni end-to-end.

“Il nostro obiettivo è ridurre l’incertezza degli utenti finali in merito all’Internet delle Cose e guidare gli utenti nel loro viaggio di scoperta. La maggior parte delle aziende ha a disposizione un numero limitato di esperti in sicurezza, analisi o deep learning, ma l’IIC li ingloba tutti”, ha dichiarato Howard Kradjel, Vice Presidente Industry Programs dell’IIC. “La nostra piattaforma neutrale promuove la collaborazione e aiuta gli utenti finali della tecnologia IIoT a risolvere problemi reali facendo leva sul nostro ecosistema”.

Il programma di accelerazione include:

  • End User Leadership Councils – Consigli collaborativi di dirigenti senior che rappresentano vari settori industriali interessati a stabilire una visione e a influenzare la direzione dell’Internet delle Cose in un determinato segmento di mercato e ad implementare, testare o utilizzare le soluzioni dell’IIoT nelle loro strutture aziendali.
  • Testbeds – Piattaforme di sperimentazione per la conduzione di test rigorosi, trasparenti e replicabili di nuovi concetti, nuovi modelli di business e tecnologie emergenti.
  • Test Drives – Progetti rapidi e a breve termine che coinvolgono gli utenti finali della tecnologia IIoT e che pongono l’accento sull’ideazione, l’identificazione di specifiche tecnologie e la collaborazione, per giungere rapidamente a un’implementazione pilota. I test drive riducono l’incertezza circa l’adozione della tecnologia selezionata e intendono produrre soluzioni convalidate e pronte per il mercato da implementare all’interno dell’intera azienda.
  • Sfide IoT – Concorsi pubblici volti a risolvere problemi reali e a far progredire la convalida delle applicazioni e delle soluzioni per l’Internet industriale.
  • Gruppi di interesse speciale – Gruppi di membri dell’IIC e non membri creati allo scopo di collaborare con esperti in un particolare settore tecnologico. Il primo GIS è dedicato agli aggiornamenti Over-the-Air (OTA) ed è finalizzato a delineare i requisiti per le soluzioni OTA in ambito automobilistico e in altre industrie.