I robot collaborativi si stanno diffondendo molto rapidamente, come testimonia il tasso di crescita annuale superiore al 60% previsto nel periodo dal 2017 al 2021 (Fonte Technavio). Per offrire soluzioni a questo segmento di mercato, Coval sta lanciando una nuova gamma di sistemi di presa.

Il primo prodotto presentato è il sistema di presa tramite vuoto in carbonio CVGC. Non è solo un adattamento di un prodotto esistente, ma un prodotto plug and play progettato ex novo per adattarsi perfettamente con vari modelli di cobot.

Le caratteristiche del suo design si integrano perfettamente con i cobot per sfruttare i loro principali punti di forza:

  • Leggerezza (<1 kg per il modello più piccolo) grazie alla costruzione in fibra di carbonio, che mantiene praticamente inalterata la capacità di sollevamento del cobot.
  • Rapidità di montaggio e smontaggio, senza richiedere attrezzi speciali, per sfruttare al massimo la versatilità del cobot.
  • Protezione dell’operatore tramite una copertura morbida sul perimetro del sistema.
  • Compattezza con un blocco “funzioni” in plastica che raggruppa generatore di vuoto, cartuccia per vuoto pilotata, vacuostato e silenziatore.
  • Versatilità con una interfaccia di presa adatta alla presa di una vasta gamma di pezzi e disponibile in tre dimensioni (150 x 150 mm, 240 x 120 mm, 320 x 160 mm).

Una vasta gamma di applicazioni

Con questo nuovo sistema di presa tramite vuoto, COVAL permette di trasformare ogni cobot in uno strumento che aumenta la produttività e protegge la salute degli operatori in un’ampia gamma di settori applicativi: alimentare, confezionamento, materie plastiche, ecc.

Grazie alla sua adattabilità e alle capacità di personalizzazione offerta dall’Ufficio Progettazione di Coval, la serie di sistemi di presa tramite vuoto CVGC costituisce uno strumento molto utile e utilizzabile per tutti i produttori, gli integratori e gli utenti di cobot per pallettizzare, manipolare scatole o parti in plastica, ecc.