È uscito anche il bando di Bi-Rex, il Competence Center con sede a Bologna, specializzato nei Big Data e nelle sue molteplici applicazioni industriali. Dal 12 novembre al 10 dicembre 2019 è possibile candidarsi con un progetto di ricerca applicata per innovare e migliorare processi, prodotti e modelli di business e organizzativi in chiave Industria 4.0.

Sul piatto 3,2 milioni di euro messi a disposizione dal MiSE per i 16 progetti di innovazione che verranno approvati dal Comitato scientifico di Bi-Rex (Big Data Innovation & Research Excellence), il consorzio senza scopo di lucro costituito da 57 enti pubblici e privati, che promuove collaborazioni tra ricerca e impresa per progetti di ricerca applicata, di trasferimento tecnologico e di formazione su tecnologie avanzate 4.0.

L’obiettivo generale è infatti quello di alimentare un ampio ecosistema di progetti di ricerca collaborativa pubblico-privata, aperti e inclusivi di intere filiere industriali e piccole medie imprese, come raccontiamo sul numero di novembre di Industrie 4.0 con l’intervista al direttore generale Stefano Cattorini.

I progetti migliori verranno così finanziati: al 50% quelli di ricerca industriale e al 25% quelli di sviluppo sperimentale, per un co-finanziamento massimo di 200mila euro cadauno.

Obiettivo prototipare

Il livello di maturità tecnologica dei progetti ammessi (TRL-Technology Readiness Level) dovrà trovarsi in un intervallo tra 5 e 8, ma dovrà comunque raggiungere, al termine delle attività, un livello pari almeno a TRL 7, che corrisponde alla prototipazione di sistema in ambiente operativo.

Il livello di partenza di questi progetti finanziabili (TRL 5) dev’essere, invece, una tecnologia convalidata in ambiente industrialmente rilevante, cui segue la dimostrazione in ambiente industrialmente rilevante al livello 6. Quindi al settimo livello si “costruisce” il prototipo operativo che, al livello 8, diventa un sistema completo e qualificato e, al livello 9, un sistema reale provato in ambiente operativo con produzione competitiva e commercializzazione.

La funzione dei Competence Center è infatti quella di tradurre la ricerca in innovazione spendibile a livello industriale, favorendo la ricerca applicata che si sperimenta nelle imprese da parte delle imprese, in collaborazione con pmi che possano dare il loro contributo specifico e con università ed enti di ricerca per il frame scientifico di riferimento.

Criteri di premialità

Bi-Rex darà la precedenza ai progetti che, soddisfatti i criteri di valutazione per innovatività, aree tematiche, qualità del piano di implementazione, qualità del piano di adozione industriale dei risultati e benefici economici per l’impresa, vedano coinvolte due o più aziende, e in particolar modo paternariati con le pmi delle diverse filiere, come pure università e centri di ricerca, perché l’obiettivo è favorire la collaborazione più estesa possibile sul territorio per accelerare la trasformazione digitale del nostro tessuto imprenditoriale e avviarci verso la digital factory.

Domenico Bambi

«Premieremo progetti che perseguano almeno uno dei seguenti obiettivi: miglioramento e innovazione dei processi produttivi; miglioramento e innovazione di prodotto; miglioramento e innovazione dei modelli di business e organizzativi a favore della competitività aziendale, con un forte accento posto sull’innovatività della proposta progettuale. Inoltre, adotteremo criteri premiali finalizzati all’apertura e all’ampia collaborazione. Per noi il fatto che il progetto preveda di coinvolgere pmi, enti di ricerca e università è senza dubbio un fattore premiante, mentre scoraggiamo progetti presentati da singole aziende, proprio perché la logica di queste iniziative è quella di creare innovazione e opportunità di sviluppo diffuse a quanti più soggetti e realtà possibili», afferma Domenico Bambi, presidente del Comitato Esecutivo di Bi-Rex.

Sette aree tematiche

Sono sette le aree tematiche del primo bando di Bi-Rex:

  • Big Data per la sostenibilità;
  • Big Data per il manufacturing;
  • Ict per macchine e linee di produzione;
  • Sistemi avanzati per la gestione dei processi di produzione;
  • Security e blockchain;
  • Additive & advanced manufacturing;
  • Robotica collaborativa warehousing e Agv (Automated Guided Vehicle).

Il bando è scaricabile sul sito alla voce progetti innovativi e dal 12 novembre la procedura da seguire è disponibile all’indirizzo Pica (Piattaforma Integrata Concorsi Atenei) del Cineca.