Per il futuro del’Industria 4.0 Confindustria Lombardia guarda anche oltre i confini nazionali, aprendo i propri uffici a una delegazione istituzionale e imprenditoriale del Portogallo. A capo della delegazione il Segretario di Stato per l’Industria portoghese Joao Vasconcelos e Antonio Saraiva, Presidente di CIP – Confederacao industria Portugal, la Confindustria portoghese.

La missione si è aperta con un confronto tra la delegazione e il presidente di Confindustria Lombardia Alberto Ribolla focalizzato sull’incremento delle sinergie e lo scambio di best practice tra la Lombardia e il Portogallo.

“Incontri come quello odierno”, ha dichiarato Ribolla, “rappresentano momenti di confronto e scambio fondamentali per lo sviluppo di relazioni di business e per l’internazionalizzazione delle nostre imprese e dei territori. Come previsto dal Piano strategico #Lombardia2030, piano che tanto interesse ha suscitato nei nostri partner portoghesi, la costruzione di relazioni e lo scambio di best practice, ad esempio su Industria 4.0, fanno parte di un processo di internazionalizzazione a 360 gradi non più orientata solo all’export ma bidirezionale e costruttiva. Siamo nel pieno di un cambiamento epocale per il manifatturiero, e condividere esperienze può rappresentare quel valore aggiunto necessario per incrementare la competitività delle imprese.”

Secondo João Vasconcelos, “la Lombardia è stata sotto il radar portoghese, da quando la nostra economia sta progredendo verso Industria 4.0. Le somiglianze tra le nostre industrie manifatturiere, per lo più composte da PMI e micro imprese pronte ad abbracciare la digitalizzazione, ci dovrebbe permettere lo scambio di buone pratiche e aumentare la collaborazione, per procedere in questa rivoluzione industriale.”

Dopo la visita istituzionale la missione della delegazione portoghese è proseguita con le visite presso gli stabilimenti della Rold di Nerviano, focalizzata sulla Rold Smartfab, un vero e proprio ‘Access Point per l’Industria 4.0, della Goglio in provincia di Varese e al Como Next Science and Technology Park dove la delegazione ha visitato in particolare tre aziende appartenenti ai settori aerospace, nanotecnologie e illuminazione.