Con più di 500 installazioni in tutto il mondo, EOS M 290 è uno dei sistemi di additive manufacturing per la lavorazione di materiali metallici di maggior successo sul mercato.

EOS non si accontenta e ha deciso di espandere questo sistema AM consolidato con il modulo IPCM M pro, per una gestione dei materiali particolarmente semplice e sicura.

A tale scopo, EOS M 290 è dotato di uno speciale sportello della camera di elaborazione con punti di accoppiamento per la connessione del modulo IPCM M pro e dei contenitori dei materiali.

La combinazione del sistema e del modulo periferico consente agli utenti di estrarre il materiale dal sistema in modo semplice, rapido e sicuro, setacciarlo e reinserirlo nel sistema.

In questo modo, si ottiene una semplificazione della stampa 3D industriale come metodo di produzione nel suo complesso.

Come funziona

Con la tecnologia di additive manufacturing, un raggio laser fonde il materiale in polvere nei punti definiti dai dati di progettazione del componente generati al computer.

Con IPCM M pro, il materiale che non è stato fuso durante il processo di lavorazione può essere direttamente estratto dal sistema AM, senza aprire lo sportello della camera di elaborazione e quindi evitando che l’operatore venga in contatto diretto con il materiale.

Una pompa a vuoto estrae la polvere dal sistema convogliandola nel modulo IPCM M pro, dove viene setacciata con un gas inerte a una velocità di 120 chilogrammi di materiale in 30 minuti (una velocità superiore del 50% rispetto alle soluzioni precedenti).

La polvere trattata in questo modo può essere utilizzata per un nuovo processo di lavorazione: il ciclo della polvere riparte dall’inizio.

Cosa cambia per l’operatore

Per l’utente, questa gestione dei materiali semi-automatizzata e in assenza di sporco all’interno della camera di elaborazione del sistema AM presenta evidenti vantaggi in termini di sicurezza e salute oltre che per l’operatività, dal momento che il rischio di contatto con la polvere viene ridotto al minimo.

Questo consente all’operatore di utilizzare un equipaggiamento protettivo più confortevole senza compromettere in alcun modo la sicurezza.

Allo stesso tempo, è possibile setacciare e trasferire più velocemente anche volumi elevati di materiale, riducendo e semplificando le attività manuali.

Inoltre, il modulo IPCM M pro è mobile, di conseguenza può essere utilizzato in modo efficiente per diversi sistemi.