Il Friuli Venezia Giulia sta lavorando per fare proprie le politiche di trasformazione digitale. Quattro operatori del territorio, AREA Science Park, Carnia Industrial Park, Confindustria Pordenone e DITEDI – Distretto Tecnologie Digitali, stanno lavorando per costruire una piattaforma regionale, aperta e inclusiva – Industry Platform 4 FVG – di supporto alla trasformazione digitale delle imprese del territorio.

Industry Platform 4 FVG vuole favorire l’adozione delle tecnologie abilitanti per la trasformazione digitale dei processi industriali manifatturieri e, allo stesso tempo, promuovere l’aggiornamento tecnologico degli operatori del settore IT presenti sul territorio. Ha un’unica cabina di regia e sfrutta le competenze specializzate e complementari presenti in regione.

“Industry Platform 4 FVG è un sistema aperto e inclusivo, basato su efficienza, efficacia e qualità dei servizi i cui beneficiari diretti sono le piccole e medie imprese attive sul territorio” ha raccontato Stefano Casaleggi, direttore generale di AREA Science Park. “La logica è quella di mettere in rete le competenze individuali in un’ottica di ottimizzazione delle risorse, soprattutto economiche, e con l’obiettivo generare nuovi posti di lavoro. Esistono, infatti, in questa regione, tutti i presupposti perché ciò si realizzi. Per AREA Science Park IP4FVG è il tassello fondamentale di un disegno più ampio che vuole fare del Friuli Venezia Giulia un laboratorio nazionale qualificato e virtuoso”.

“Il percorso intrapreso con IP4FVG” ha sottolineato Danilo Farinelli, direttore generale del Carnia Industrial Park “costituisce un tassello ulteriore nella costruzione di un ecosistema integrato delle attività di ricerca e innovazione al servizio della manifattura regionale. Un percorso che presenta elementi di reale discontinuità, grazie alla presenza congiunta, quali promotori dell’iniziativa, di istituzioni e soggetti di natura diversa: un parco tecnologico, un cluster delle tecnologie digitali, una associazione di categoria delle imprese industriali e, per la prima volta, di un consorzio industriale che, grazie alla recente riforma voluta dal vicepresidente Sergio Bolzonello, sta assumendo forma e funzioni di un vero parco industriale, in linea con le più importanti esperienze di Industrial Park a livello internazionale”.

“L’idea di una rete regionale di soggetti che mettano a disposizione delle imprese le competenze e le tecnologie necessarie per gestire con successo la sfida della trasformazione digitale ci vede non solo interessati ma attivamente coinvolti”, ha commentato Paolo Candotti, direttore generale di Confindustria Pordenone e Coordinatore del Digital Innovation Hub (DIEX). “Diex è stato il primo esempio nazionale di DIH costituito secondo le linee guida del Piano nazionale Industria 4.0 e ha scelto quale sua vocazione e specializzazione prevalente quella relativa alla manifattura digitale. In tal senso, facendo perno sulla Fabbrica modello digitale – LEF 4.0 – forte della collaborazione di una pluralità di soggetti regionali e di una serie di partnership tecnologiche di rilievo nazionale ed internazionale, Diex potrà rappresentare nella rete regionale IP4FVG il punto di riferimento per le imprese in tema di manifattura digitale”.

“La mission di DITEDI è di facilitare la rivoluzione 4.0 nelle nostre aziende ma contemporaneamente lavorare alla trasformazione digitale dei territori della Regione, cittadini e enti locali compresi. Ottima quindi l’iniziativa di Industry Platform 4 FVG che mette a disposizione delle nostre PMI un supporto immediatamente operativo per attuare i nuovi processi di digitalizzazione” ha aggiunto Roberto Siagri vice presidente di DITEDI – Distretto Tecnologie Digitali.