Bosch intende acquisire il 5% di HERE Technologies, fornitore globale di servizi di mappatura digitale e localizzazione. L’acquisizione dà una spinta ai servizi di business di Bosch.

Al tempo stesso aiuta anche HERE a compiere un ulteriore passo verso il suo obiettivo di diventare un fornitore globale di data base di servizi di localizzazione in tempo reale per i clienti, sia dell’industria dell’automotive sia esterni al settore.

“Bosch non è solo macchine” ha dichiarato Volkmar Denner, Ceo di Robert Bosch GmbH. “L’Industry 4.0, le case intelligenti e le città intelligenti sono interessanti settori di business per Bosch. Questa sinergia con HERE permetterà di ampliare ulteriormente i servizi di data-base”.

L’acquisizione è soggetta all’approvaizone dall’Autorità Antitrust prevista entro la fine del primo quadrimestre del 2018.

Automatizzare e semplificare i flussi di merci

I servizi di data base stanno contribuendo sempre più alla crescita di Bosch. La competenza della società nell’IT e la relativa infrastruttura sono di conseguenza più forti: in tutto il mondo, Bosch impiega più di 20.000 tecnici informatici in 120 località operando con il proprio cloud IoT.

Inoltre, Bosch offre la sua IoT Suite, una piattaforma software dedicata per soluzioni IoT. La pianificata collaborazione tra Bosch e HERE potrebbe avvenire nel dominio dell’Industry 4.0 nell’area di applicazione intralogistica.

Le mappe di pianificazione interna ad alta definizione potrebbero essere utilizzate per automatizzare e semplificare i flussi di merci fino alla linea di produzione.

Allo stesso modo, potrebbero essere utilizzate per aiutare i collaboratori nelle procedure di manutenzione o di riparazione.

Focus sulla guida autonoma

Il punto focale della collaborazione tra Bosch e HERE sarà la creazione di piattaforme accessibili a tutti i clienti, sia del settore automotive sia non automotive, con particolare attenzione alla mobilità connessa e autonoma.

Le mappe ad alta definizione sono un prerequisito per le macchine a guida autonoma. Queste devono essere aggiornate con i dati che provengono dai sensori del veicolo e integrati con informazioni in tempo reale sulle condizioni del traffico, cantieri e incidenti.

La mappatura stradale via radar, fornita da Bosch, dà un’idea di come questo potrebbe essere fatto. Si usano le informazioni che provengono dai sensori radar nel veicolo per creare mappe ad alta definizione, che vengono costantemente aggiornate.

Contestualmente, Bosch e HERE stanno valutando la possibilità di utilizzare tale mappatura per aggiornare HERE HD Live Map, servizio dedicato ai veicoli a guida autonoma.

Bosch continuerà il suo lavoro sulla mappatura stradale, con partner come TomTom, AutoNavi, Baidu, e Increment P.