Un anno da incorniciare. Nel 2017 ABB Italia ha registrato ordini per 2.255 milioni di euro, +8% rispetto al 2016, e un fatturato di 2.241 milioni di euro, stabile se confrontato con il 2016.

“Nel 2017 abbiamo assistito a una crescita dell’ordinato rispetto al 2016 nei prodotti, sistemi e servizi per l’elettrificazione, per l’industria manifatturiera, per il comparto della robotica e nel business delle reti elettriche,” dichiara Mario Corsi, Amministratore Delegato di ABB. “La robotica collaborativa ha attirato tanta attenzione, non solo per la performance del nostro robot YuMi che ha diretto a Pisa l’Orchestra Filarmonica di Lucca che ha accompagnato il tenore Andrea Bocelli, ma soprattutto per le sue numerose applicazioni realizzate in settori che includono quello della cosmetica e dell’occhialeria.”

In linea con la Strategia Digitale del Gruppo, ABB Italia nel 2017 ha continuato a promuovere soluzioni digitali, sostenute dall’offerta integrata ABB Ability.

ABB Italia ha esplorato e colto le opportunità offerte dal Piano Nazionale Impresa 4.0: un esempio è rappresentato dalla candidatura di alcune delle sue importanti attività manifatturiere per il progetto Lighthouse, promosso dal Ministero per lo Sviluppo Economico.

Del resto, ABB Italia continua a perseguire le eccellenze nel digitale: ne sono un esempio i due Collaborative Operations Center (COC) a Genova, dedicati rispettivamente al settore navale e dell’energia. Questi due centri garantiscono il monitoraggio e la gestione in remoto delle flotte navali (ad oggi circa 700 navi controllate) e di circa 700 impianti di generazione di energia sia tradizionale che da fonti rinnovabili.

Nel 2017 gli investimenti realizzati in ricerca e sviluppo da ABB in Italia hanno rappresentato il 3,2% del fatturato con 39 brevetti depositati caratterizzati da un focus crescente su innovazioni relative al mondo digitale.