Un’opportunità concreta per toccare con mano l’Industria 4.0, sia dal punto di vista degli strumenti tecnologici, sia da quello del loro impatto sui processi aziendali.

È quanto vuole rappresentare il corso di laurea magistrale “Digital Factory” della Liuc Università Carlo Cattaneo di Castellanza. L’obiettivo è quello di formare ingegneri gestionali in grado di introdurre il nuovo paradigma industriale nelle imprese e di occuparsi della gestione dei processi logistico-produttivi in quelle realtà in cui si stia già applicando tale paradigma.

Didattica in una fabbrica simulata

Il percorso si svolge in buona parte all’interno di I-FAB, una fabbrica simulata, progettata secondo logiche Lean e che applica i pilastri del paradigma Industria 4.0 (Internet of Things, robot mobili e collaborativi, data analytics, simulazione, realtà virtuale e additive manufacturing).

Tre i moduli: tecnologie e strumenti per la fabbrica intelligente, data analytics per la gestione della fabbrica, modelling & simulation (proposti anche in lingua inglese).

I profili professionali

I laureati potranno ricoprire ruoli quali responsabile di produzione e direttore di stabilimento, occupandosi in maniera specifica della digitalizzazione della fabbrica.

Inoltre, potranno svolgere attività di consulenza nell’ambito delle operations, sempre in ottica Industria 4.0.