Eurotech guarda al futuro con ottimismo e ne ha ben ragione. I numeri parlano chiaro. Nel primo semestre 2019 i ricavi sono aumentati del 35,5%, raggiungendo quota 53 milioni e un utile netto di 8,8 milioni di euro. La crescita del fatturato è l’effetto diretto dell’incremento degli ordinativi e del backlog esistente ad inizio anno.

“Sono molto contento dei risultati che stiamo ottenendo, frutto sia degli importanti investimenti fatti negli anni, sia della grande dedizione di tutti i nostri collaboratori”, ha commentato l’Amministratore Delegato Roberto Siagri. “Un risultato che non sarebbe stato possibile senza il supporto dei clienti e dei partner che continuano a sceglierci per la qualità dei prodotti e dei servizi offerti. Il semestre che si è chiuso, continua un nuovo importante percorso di crescita iniziato nel secondo semestre del 2017. Il trend di crescita proseguirà anche nel secondo semestre, sostenuto dalla crescita del portafoglio ordini. Guardiamo pertanto con ottimismo al futuro: vogliamo e possiamo continuare a crescere in maniera sostenibile, dando continuità all’attuale modello di business che ci consente sia di generare flussi di cassa positivi sia di continuare ad attivare la leva operativa”.

All’incremento di fatturato hanno contribuito le aree geografiche americana ed europea, che hanno chiuso il semestre con una crescita rispettivamente del 74,9% e del 42,4% rispetto al primo semestre 2018. L’area giapponese invece mantiene un risultato su valori leggermente inferiori rispetto a quelli del primo semestre 2018.

La crescita del primo margine evidenziata nel semestre, che lo porta ad un valore vicino al 50%, dimostra come il Gruppo riesca a sviluppare tecnologie e prodotti che riscontrano sempre di più le esigenze del mercato in quest’era di trasformazione digitale.

Il Gruppo, infatti, oltre ad essere protagonista nel campo degli Embedded Computer, negli ultimi anni, grazie agli importanti investimenti in ricerca e sviluppo effettuati, si è imposto anche nell’emergente settore degli Edge Computer e dell’IoT.