ABB lancia ABB Ability Augmented Field Procedures per migliorare la sicurezza e l’efficienza degli operatori nel settore energetico.

L’azienda ha sviluppato una tecnologia che permette di digitalizzare l’esperienza degli operatori di impianto e migliorare l’interazione tra le attività sul campo e la sala controllo.

Con oltre il 20% dei tempi di fermo macchina dovuti a errori umani, ABB Ability Augmented Field Procedures permetterà di uniformare le procedure manuali, standardizzare le procedure operative e le tecniche di manutenzione o riparazione e rafforzare l’integrazione tra le attività in impianto e la sala controllo. Inoltre, la tecnologia consentirà la registrazione digitale dei dati per garantire l’acquisizione e il successivo utilizzo delle modalità operative.

“L’errore umano continua ad essere un fattore che contribuisce in modo significativo sia ai problemi di sicurezza, sia ai tempi di fermo macchina”, ha dichiarato Chris Naunheimer, Digital Lead, Energy Industries, ABB. “Gli ingegneri dedicano molto tempo a leggere e interpretare i dati. Con questa soluzione, vogliamo affrontare queste sfide e trasformare concretamente il futuro del lavoro”.

Gli operatori saranno in grado di accedere in tempo reale e da remoto ai dati relativi ad asset, processi o procedure dell’impianto utilizzando tablet industriali, smartphone e occhiali Microsoft HoloLens, migliorando così la collaborazione e consentendo l’inserimento immediato dei dati direttamente dall’interfaccia utente sul campo.

Creato in collaborazione con le maggiori aziende del settore, il sistema può essere utilizzato in qualsiasi ambiente industriale: impianti greenfield e brownfield, per start-up, attività di manutenzione ordinaria e di shutdown.