Scm Group, attivo a livello mondiale nelle tecnologie per la lavorazione di una vasta gamma di materiali, ha sempre dato priorità ai temi dell’innovazione come risposta alle richieste del mercato e dei clienti. Tale capacità di rispondere reattivamente agli stimoli e trasformare le personalizzazioni in piattaforme standard è stata fonte di vantaggio competitivo per anni.

Oggi Scm Group, con le sue divisioni Scm per le tecnologie dedicate al legno e CMS per gli altri materiali, vuole sviluppare un percorso che le permetta ancora di più di anticipare le richieste dei propri mercati di competenza, monitorando e sfruttando i trend emergenti per cambiare le regole del gioco.

Gellify supporta Scm Group nel disegno della Technology Roadmap, ossia un piano strategico che delinea le attività per identificare, sviluppare e implementare tecnologie specifiche per raggiungere gli obiettivi aziendali.

Il processo di disegno della technology roadmap parte dall’analisi dei trend di mercato (tecnologici e di business), passa per l’identificazione delle capabilities fondamentali, sia interne (ossia il gruppo di Ricerca e sviluppo, l’Innovazione, il Procurement) che esterne (i partner, i fornitori, le università ed i centri di ricerca con cui il gruppo collabora).

Obiettivo è identificare i gap tecnologici, che necessariamente dobbiamo colmare per spostarci in una posizione dominante sul mercato di riferimento e quindi costruire un piano d’azione strategico, il Gaps Recovery Plan.

Technology roadmapping: il punto di partenza non è un foglio bianco

Relativamente alla prima fase del progetto, Lucia Chierchia, Managing Partner & Head of Phygital Factory in Gellify spiega che “comprendere a fondo le sfide e le aspettative del cliente è sempre il nostro punto di partenza, per disegnare un percorso snello ed efficace”.

Infatti, capire insieme all’azienda qual è lo stato attuale dei progetti innovativi e quali sono i suoi “sogni nel cassetto” è stato il primo passo di questo percorso.

Scm Group ha coinvolto i team della Funzione Innovation e dell’Ufficio Tecnico, ossia le persone che tutti i giorni si interfacciano con i commerciali, veri e propri ambasciatori delle richieste dei clienti, nonché consulenti a 360 gradi delle imprese clienti che desiderano ottimizzare i propri processi produttivi.

Sedersi tutti attorno allo stesso tavolo

Una volta compresi i trend ed il contesto innovativo in cui SCM Group opera con le divisioni Scm e Cms, Gellify coinvolge i “Subject Matter Expert” (SME) sui filoni innovativi ritenuti rilevanti, tecnologici (ad esempio, Intelligenza Artificiale, Blockchain, Cloud Computing) e di business (Nuovi business model, Servitization…).

Solitamente gli SME sono professionisti di alto livello del mondo accademico, corporate e startup che aiutano il gruppo a uscire dalla visione di settore per scoprire nuove prospettive in termini di soluzioni e mercati.

Il team di lavoro costituito da Scm Group, Gellify e gli SME effettua una serie di workshop volti ad identificare i “Gap to Leadership”, ossia le lacune che devono essere colmate per raggiungere la leadership tecnologica, seguendo una metodologia sviluppata da Gellify per gestire contesti complessi per multidisciplinarietà e grado di innovazione tecnologica.

Un tassello importante dell’attività di Gap Analysis fatta con il Gruppo è stata la possibilità di avere a bordo quelli che in Gellify chiamiamo “cugini di Scm Group”, ossia aziende che operano in settori differenti, ma che stanno affrontando o hanno affrontato sfide simili.

“Per esempio, sono state coinvolte aziende che hanno un grande know-how dei processi di incollaggio. Alcune delle macchine prodotte da Scm Group, infatti, eseguono una fase di incollaggio che impatta direttamente la qualità del prodotto finito.

Convergere con Scm Group

Una volta identificati e analizzati i gap è necessario attaccarli, assegnando priorità e decidendo le azioni da intraprendere per colmarli. Ciò significa mettere a terra le idee, far partire i proof of concept, i progetti, le collaborazioni. Cruciale il ruolo di Gellify quale osservatore privilegiato nel mondo dell’innovazione tecnologica, per delineare in modo concreto i passi del piano d’azione.

Così, è stato possibile individuare un importante numero di potenziali nuove linee di sviluppo, definendone attraverso un percorso strutturato una roadmap tecnologica e i gap da colmare per raggiungere gli obiettivi.

Il processo di Technology Roadmapping è ora uno strumento che in Scm Group viene utilizzato costantemente. Infatti, in un mondo industriale che cambia ad altissima velocità in seguito a stimoli sempre nuovi, è essenziale avere un processo in grado di tenere le funzioni aziendali vicine al mercato e ai trend tecnologici e un processo che permetta all’azienda di rispondere in modo agile all’evoluzione in atto.

Chi è Scm Group
Scm Group è attivo a livello mondiale nelle tecnologie per la lavorazione di una vasta gamma di materiali: legno con la divisione Scm, plastica, vetro, pietra, metallo e materiali compositi con la controllata Cms, e componenti industriali.
Le società del Gruppo sono, in tutto il mondo, partner affidabili di affermate industrie che operano in vari settori merceologici: dall’industria del mobile all’edilizia, dall’automotive all’aerospace, dalla nautica alla lavorazione di materie plastiche.
Scm Group coordina, supporta e sviluppa un sistema di eccellenze industriali, articolato in 3 grandi poli produttivi altamente specializzati in Italia, con un fatturato di oltre 700 milioni di euro, quasi 4.000 dipendenti e una presenza diretta nei cinque continenti.

Si ringraziano per la stesura dell’articolo Rebecca Mini, Industry 4.0 Consultant di Gellify, e Federico Collarin, Industry 4.0 Consultant di Gellify