Consys.it conferma che le imprese stanno sempre più migrando al cloud, sottolineando i ritmi di un passaggio costante e inesorabile, e una forte necessità di skill specializzati che siano in grado di accompagnare le imprese in questo delicato passaggio.

Le organizzazioni operano in un contesto tecnico in rapida evoluzione, a cui in questo periodo si aggiunge l’emergenza sanitaria che ha alzato ulteriormente l’attenzione sulla sicurezza di dati e applicazioni. Oggi, infatti, una delle principali sfide è legata proprio al saper definire validi percorsi di aggiornamento tecnologico per i team interni, potendo poi contare su partner che possano opportunamente guidare nell’implementazione dei progetti più innovativi a supporto del business. Le imprese clienti richiedono il massimo supporto, per poter affrontare al meglio questi cambi di priorità, per essere guidate e accompagnate con nuovi servizi tecnologici nel percorso di digitalizzazione. Le esigenze sono quelle di ottenere sostegno nel disegnare nuove architetture di rete e di sicurezza, implementando infrastrutture solide e capaci di proteggere i dati aziendali acceduti e utilizzati dagli utenti che lavorano da remoto, sia che i dati si trovino in cloud pubblici, in cloud privati, fruiti attraverso servizi tradizionali o SaaS.

“La nostra azienda, si occupa proprio di questo – sottolinea Marco Coppolino, Founder di Consys.itsia operando in sinergia con i vendor di riferimento sul mercato con i quali abbiamo già sviluppato partnership consolidate, sia ampliando ulteriormente le nostre capacità tecnologiche e di problem-solving, per sviluppare proposizioni innovative e consegnare soluzioni chiavi in mano alle imprese clienti.”

Il cuore pulsante dei servizi di Consys.it è basato sulle persone che, puntualmente certificate sulle più recenti tecnologie, consentono di assicurare al cliente consulenza e servizi professionali di alto livello. Tra i servizi erogati, si evidenzia la capacità di formazione in modalità training on the job che è molto apprezzata, poiché porta il team dei clienti ad arricchirsi continuamente.

Consys.it prosegue inoltre nell’ampliare conoscenze e skill in ambito DevSecOps pensati per ambienti di sviluppo dei servizi con piattaforme a container e serverless dove sono richieste modalità e tecnologie di sicurezza nuove e dedicate. Oggi Consys.it possiede già tutti gli skill per guidare i clienti nel disegnare la sicurezza delle reti implementando i principi SASE e di ZTNA. L’azienda dispone anche di skill per la messa in sicurezza applicativa dei servizi SaaS, passando dall’implementazione di soluzioni CASB dedicate e molto altro ancora, con expertise che aumentano la fidelizzazione del CIO dei clienti e dei diretti collaboratori.

“La formazione si riafferma come uno dei pilastri fondamentali per accompagnare lo sviluppo del business delle imprese – prosegue Coppolino di Consys.it – e mai come in questo periodo riscontriamo sempre maggiori esigenze di chi ci richiede esperti di soluzioni e servizi in cloud che possano supportare nel cambio delle infrastrutture. Oggi, la complessità che si manifesta è quella del multi-cloud e poiché le aziende decidono di adottare anche diverse soluzioni di cloud, risulta indispensabile poter disporre di competenze adeguate per eseguire il corretto scouting e suggerire al cliente quale vendor in cloud è il più adatto a loro anche in linea al budget allocato”.

Consys.it vanta un’expertise che garantisce un alto livello di sicurezza degli ambienti multi-cloud, individuando e implementando la soluzione corretta per il cliente. La missione di Consys è rendere il cloud un ambiente sicuro ed affidabile. Inoltre, con i DevOps, Consys.it offre soluzioni scalabili e automatizzate per introdurre il concetto di sicurezza, come elemento imprescindibile per lo sviluppo delle applicazioni, che deve essere garantita a ogni stadio del processo.

“Siamo presenti sul mercato dal 1994 e da allora ci adoperiamo per rendere accessibili, disponibili e in sicurezza, i dati, le applicazioni e le reti dei nostri clienti, e dobbiamo proseguire nel formare al nostro interno nuove persone, affinché abbiano le giuste conoscenze. Oggi purtroppo non esiste un percorso di certificazione standard ed è per questo motivo che prima della pausa estiva è entrata una nuova risorsa in azienda mentre entro dicembre dovremmo completare l’inserimento di altre due persone specificatamente orientate alla security DevOps”, conclude Coppolino.