Antares Vision ha inaugurato il nuovo Innovation Center presso il CSMT (Centro Servizi Multisettoriale e Tecnologico) di Brescia.

Nato nel 2011 e situato tra le Facoltà di Ingegneria e di Medicina dell’Università degli Studi di Brescia, il CSMT rappresenta un luogo ideale per creare reti e alleanze, ma anche una sede di promozione e ricerca, di formazione tecnica e specialistica, oltre al ruolo di trasferimento tecnologico e incubatore di start-up.

E proprio le attività di ricerca e sviluppo di nuove tecnologie in diversi ambiti saranno il focus della nuova struttura di Antares Vision, il cui personale lavorerà a idee e progetti di innovazione creando networking e sinergia tra università, associazioni, istituti di ricerca e aziende.

“I nostri percorsi di ricerca sono diversi ma tutti orientati all’innovazione’’, spiega Emidio Zorzella, Presidente e AD di Antares Vision. “Questo perché le sfide dei mercati ci chiedono competenze sempre più specifiche. Lavoriamo per raggiungere un mix di conoscenze con un approccio multidisciplinare, tenendo sempre presente che qualsiasi sviluppo dovrà diventare un prodotto, sia hardware sia software, facile da usare, conveniente e soprattutto utile all’utente finale”.

All’interno dell’Innovation Center di Antares Vision sono già operativi quattro ricercatori, che si uniscono al Responsabile Alberto Albertini e al Direttore Tecnico Francesco Bazzarola. Nel frattempo, sono il corso le selezioni di alcuni profili e presto si uniranno altri dottorandi e ricercatori, anche in collaborazione con il CNR.

“Le aree principali di ricerca della nuova struttura’’, ha dichiarato Alberto Albertini, Technology Scouting & Innovation Center Director di Antares Vision, “sono nel campo della tecnologia dell’informazione, della sensoristica, dell’ingegneria dei materiali e della computer vision, intersecando competenze di meccanica, elettronica, medicina, pharma e biotecnologie. A dimostrazione del suo costante impegno nella ricerca, sono numerosi i concept innovativi avviati da Antares Vision, come ad esempio il progetto “Smart Ward Platform”, una piattaforma intelligente e flessibile incentrata sul benessere dei pazienti o l’applicazione del hyperspectral technology per migliorare la qualità del prodotto finale”.

“In alcuni settori di ricerca, in primis quello alimentare’’, aggiunge Francesco Brazzarola, “è già attiva una collaborazione con due dipartimenti di eccellenza dell’Università degli Studi di Brescia, riconosciuti tali dal Ministero dell’Istruzione, il Dipartimento di Tecnologia dell’Informazione e quello di Medicina Molecolare e Traslazionale. In particolare, Antares Vision, con le sue riconosciute competenze nella tracciatura e nell’ispezione qualità, sta progettando un innovativo sensore dei corpi estranei negli impasti alimentari, grazie anche alla collaborazione di FT System, azienda attiva nell’ispezione e nei controlli di qualità per il Food & Beverage acquisita da Antares Vision nel settembre del 2019”.