VISIONARI No profit, associazione che promuove scienza e tecnologia per il miglioramento della società, lancia oggi l’allarme in merito ai disservizi che hanno colpito Google e le varie piattaforme di servizi della società a seguito di un attacco hacker.

Oggi milioni di utenti in tutto il mondo sono stati coinvolti in malfunzionamenti e ritardi che gettano un’ombria inquietante sulla sicurezza dei sistemi Google – spiega VISIONARI – Gmail, Google Meet, Google Classroom, Google Drive e YouTube sono solo alcuni dei servizi interessati dal down, molto utilizzati dagli utenti specie in questo periodo di emergenza in cui la didattica e il lavoro si svolgono a distanza. Servizi che raccolgono una mole incredibile di dati sensibili e informazioni sugli utenti ma di cui spesso non si conosce il reale utilizzo.

L’episodio odierno – prosegue VISIONARI – è particolarmente grave perché dimostra che anche un colosso come Google presenta punti deboli nei sistemi che possono essere “bucati”, e porta alla ribalta una questione di cui ad oggi si parla ancora troppo poco e cioè la “cybersecurity”.

Oggi l’utente – sottolinea l’associazione – che usa i servizi messi a disposizione dal web non ha reale contezza di quanto i sistemi di protezione siano effettivamente solidi e quindi per lui è impossibile misurare il rischio cui si espone sottoscrivendo ed utilizzando un servizio.

VISIONARI invita ora Google a fornire adeguate rassicurazioni circa il fatto che i dati personali degli utenti siano stati adeguatamente protetti durante il down di oggi, e che non vi siano state falle che abbiano messo a repentaglio la sicurezza dei fruitori dei servizi Google e le loro informazioni personali.