Il Bosch Center for Artificial Intelligence (BCAI) ha sviluppato un sistema basato sull’IA che rileva le anomalie e i malfunzionamenti nel processo di produzione in una fase iniziale, riduce in modo affidabile gli scarti e migliora la qualità del prodotto.

Durante la conferenza digitale sull’IA di Bosch, il CDO/CTO di Bosch Michael Bolle ha dichiarato: “L’intelligenza artificiale renderà le fabbriche più efficienti, più produttive e più ecologiche e migliorerà ulteriormente i prodotti. La nostra nuova soluzione IA permetterà agli stabilimenti di risparmiare milioni in termini di costi”.

Gli stabilimenti pilota, in cui l’IA è già in uso, stanno risparmiando tra uno e due milioni di euro l’anno. Per esempio, grazie all’IA lo stabilimento di Hildesheim è riuscito a identificare ed eliminare le interruzioni nei flussi di processo, riducendo i tempi ciclo delle linee del 15%.

Gli studi confermano l’effetto dell’IA: l’Industry 4.0, in particolare, beneficia dell’uso diffuso di questa soluzione tecnologica in Germania.

Quest’anno Bosch implementerà la soluzione IA sviluppata dal BCAI partendo dai circa 50 stabilimenti per i sistemi di propulsione in tutto il mondo e collegando oltre 800 linee di produzione.

Ogni giorno sarà memorizzato sulla piattaforma di analisi oltre un miliardo di messaggi di dati.

Bosch prevede in seguito di utilizzare l’IA a nei suoi circa 240 stabilimenti. Inoltre, sfrutterà l’esperienza e il know-how tecnologico acquisiti per impiegarli nello sviluppo di una nuova tecnologia IA per la produzione.