Marelli Motorsport e 1NCE uniscono le forze per sviluppare nuove soluzioni di tracking in tempo reale nell’ambito del motorsport.

Marelli Motorsport è attualmente impegnata in test basati su connettività cellulare per lo sviluppo di nuovi sistemi di telemetria in grado di raccogliere in tempo reale i dati relativi all’auto e al motore, quali accelerazione, forza g, velocità, temperatura del motore, giri al minuto, allarmi, carburante residuo.

La connettività cellulare non richiede l’installazione di infrastrutture di rete locali individuali, con i relativi costi. Le reti di connettività cellulare standardizzate sono già diffuse in tutto il mondo e possono essere facilmente utilizzate per la comunicazione dei sensori in ambito competizione.

Una soluzione di connettività IoT standardizzata

Fino a oggi mancava un’offerta standardizzata a livello globale che permettesse ai clienti di implementare in modo semplice la connettività cellulare nei loro prodotti. Come partner tecnologico di Deutsche Telekom e con la propria piattaforma IoT cloud native, 1NCE rappresenta il collegamento tra le reti di telecomunicazione cellulare e le moderne applicazioni cloud.

L’offerta di 1NCE è disponibile in oltre 100 Paesi in tutto il mondo con un prezzo fisso per tutte le possibili tecnologie di comunicazione come 2G, 3G, 4G, NB-IoT e LTE-M, in combinazione con una potente piattaforma di gestione che aiuta ad automatizzare l’onboarding e la gestione dei dispositivi con le principali applicazioni cloud. A oggi, 1NCE ha più di 4.000 clienti con oltre 5 milioni di connessioni attive in tutto il mondo.

“1NCE offre la soluzione di connettività ideale per i nostri futuri prodotti di telemetria” ha dichiarato Riccardo De Filippi, Senior Vice President e Ceo di Marelli Motorsport. “Una volta installati, potremo iniziare a utilizzarli immediatamente in tutte le location del motorsport nel mondo”.

Alexander P. Sator, Ceo di 1NCE, ha aggiunto: “Sono sicuro che la nostra azienda rappresenta la collaborazione perfetta per Marelli Motorsport, non solo per quanto riguarda la velocità di sviluppo di nuove soluzioni, ma anche in termini di facilità di utilizzo e abbattimento dei costi operativi per la connettività”.