Athics, startup che sviluppa soluzioni di intelligenza artificiale e di Conversational AI Agents entra nel portafoglio di GELLIFY, piattaforma di innovazione B2B che seleziona, investe e fa crescere startup innovative ad alto contenuto tecnologico e le connette alle aziende tradizionali con l’obiettivo di innovare i loro processi, prodotti e modelli di business e di Azimut Digitech Fund, fondo di venture capital B2B alternativo di tipo chiuso che investe esclusivamente in società tecnologiche B2B istituito da Azimut Libera Impresa SGR (Gruppo Azimut) in partnership con GELLIFY, e operativo da fine dicembre 2020.

Athics viene fondata nel 2018 ed è parte del Gruppo Yoda, gruppo a capitale privato, interamente italiano, costituito da aziende con competenze distintive che, in collegamento con istituzioni ed enti accademici, è impegnato in un processo continuo di ricerca e acquisizione delle più promettenti startup sul mercato e delle migliori soluzioni abilitate dalla tecnologia.

La principale soluzione sviluppata da Athics (“crafter.ai”) è una piattaforma SaaS per lo sviluppo di “Conversational AI Agents” (“agenti virtuali”) che mette l’intelligenza artificiale al servizio delle imprese abilitando un incremento nei livelli di produttività.

Tramite l’utilizzo della piattaforma, le aziende riescono a ridurre fino al 90% i tempi di realizzazione dei servizi di automazione, incrementare fino al 70% la produttività del proprio call center, ridurre fino al 98% il traffico verso gli operatori del call center ed attraverso l’analisi dei trend delle conversazioni avere un miglioramento continuo della “user experience”. Trattandosi di una piattaforma SaaS (Software as a Service) “crafter.ai” permette all’utente di scegliere la funzione aziendale orizzontale o il mercato verticale in cui un processo deve essere automatizzato con i “Conversational AI Agents”.

La startup si inserisce nel contesto del mercato dell’AI conversazionale che nel 2020 è stato valutato in 4,8 miliardi di dollari (fonte: MarketsandMarkets).

Le aspettative di crescita di questo mercato a livello globale sono ad un CAGR (2020 – 2025) del 21,9%, per raggiungere 13,9 miliardi di dollari di valore di mercato nel 2025.

Oggi l’attenzione delle imprese si è spostata dalla fornitura di servizi di assistenza clienti attraverso e-mail o messaggi, ai “virtual agents” supportati dall’intelligenza artificiale che aiutano a migliorare l’esperienza e l’engagement dei clienti.

I “Conversational AI Agents” non sono altro che un modo programmatico e intelligente di offrire un’esperienza conversazionale per imitare la conversazione con persone reali attraverso le tecnologie digitali e risolvere le esigenze dei clienti e del business. Con i “Conversational AI Agents” le organizzazioni possono costruire relazioni con i singoli clienti attraverso esperienze di conversazione personalizzate one-to-one, sulla base di dati reali di contesto o di interazioni passate.

Le organizzazioni possono utilizzare gli agenti virtuali per automatizzare i processi manuali e ripetitivi, come il posizionamento degli ordini, le richieste di saldo, le richieste generali, l’assistenza tecnica, il supporto e gestione della prevendita e post-vendita, la gestione ed ottimizzazione delle interazioni conversazionali che coinvolgono tutte le attività HR che costituiscono l’Employee Journey ed altri servizi ai clienti. Con l’uso dell’automazione, le organizzazioni possono ottenere importanti guadagni di produttività ed efficienza.

L’operazione di co-investimento di GELLIFY insieme ad Azimut Libera Impresa SGR – mediante il fondo Azimut Digitech Fund – sarà funzionale alla fase di consolidamento e all’internazionalizzazione di Athics.

Gianluigi Martina, Managing Partner and Founder di GELLIFY

“Abbiamo deciso di investire in Athics perché unisce ad una grande preparazione tecnica una forte comprensione del business, condizione fondamentale per un mondo in continua evoluzione come quello della conversational AI. – dichiara Gianluigi Martina, Managing Partner and Founder di GELLIFY – I founder di Athics hanno una pluriennale esperienza nel settore tecnologico e del software, ed hanno sia ricoperto cariche rilevanti in aziende corporate che svolto direttamente attività imprenditoriale con exit di successo, dimostrando dunque concrete capacità imprenditoriali e di execution”.

Giuseppe Carrara, Ceo di Athics

“Abbiamo scelto la proposta di GELLIFY ed Azimut perché rappresentano gli investitori che ci permetteranno di supportare al meglio il nostro processo di sviluppo della società. Con questa operazione siamo convinti di poter avere un importante accelerazione allo sviluppo, mettendo a fattor comune le forze e le competenze di entrambi” – aggiunge Giuseppe Carrara, Ceo di Athics – Il supporto ricevuto da GELLIFY e Azimut ci consente di proseguire nella nostra mission, ovvero fornire al maggior numero di utenti i benefici della nostra soluzione dando nel contempo un forte impulso alla nostra strategia di rafforzamento della posizione sul mercato. Siamo molto felici di questa opportunità e siamo già al lavoro per averne i benefici”.