La Ultimaker Platform sarà arricchita con la PVA Removal Station professionale: ora le stampanti 3D possono sviluppare prototipi più velocemente.

In pratica gli utenti saranno in grado di portare i prodotti sul mercato più rapidamente, accelerando il processo generale di sviluppo del prodotto.

Le stampanti 3D che usano il PVA, o PolyVinyl Alcohol, come materiale di supporto richiedono una post-elaborazione per rimuoverlo. Ciò è possibile generalmente sciogliendo il PVA per un lungo periodo di tempo in acqua. A seconda delle dimensioni, della complessità del design e della densità della struttura di supporto, questo processo può richiedere più di un giorno per essere completato.

La PVA Removal Station di Ultimaker riduce questo tempo fino al 75%. Riduce anche il tempo di operatività, poiché gli operatori non devono più rimuovere manualmente il PVA o controllare il processo di dissoluzione. È facile da usare, pulire e manutenere, è universale e sarà disponibile nella prima metà del prossimo anno.

“Sappiamo che le organizzazioni hanno sempre davanti la sfida di portare prodotti più complessi sul mercato più velocemente. La nostra nuova PVA Removal Station professionale è l’anello mancante della nostra piattaforma di soluzioni end-to-end, che aiuta i designer, gli ingegneri, gli architetti e i professionisti a guidare l’innovazione interna”, ha sottolineato Jürgen von Hollen, ceo di Ultimaker.