Nasce la nuova casa dell’innovazione di Poggipolini, un centro di sviluppo e di sperimentazione aperto a startup, fornitori, clienti ed università.

La factory del futuro “Speed Up Lab” si trova nel nuovo stabilimento di San Lazzaro di Savena, in un’area di oltre 20 mila mq, adiacente al Manufacturing Center of Excellence inaugurato nel 2019. La sua missione è lavorare in open innovation.

Roboze è il primo partner

Il primo partner del progetto industriale è Roboze, una collaborazione tecnologica e industriale focalizzata nello sviluppo di nuovi materiali e prodotti stampati in 3D per il settore aerospazio, difesa e motorsport.

Michele Poggipolini, Ceo dell’azienda di famiglia, presidente di Confindustria Giovani Emilia e componente nazionale del Consiglio Generale di Confindustria

“Abbiamo dei focal point”, ha spiegato a Michele Poggipolini, Ceo dell’azienda di famiglia: “il primo è quello di realizzare motori elettrici ad alta prestazione, il secondo è la realizzazione di supercapacitori, nuova tecnologia legata al tema delle batterie. Il terzo riguarda appunto l’additive manufacturing e sono estremamente felice della partnership con l’azienda di Alessio Lorusso, grande innovatore. Questa partnership ci permetterà già da oggi di lavorare insieme e di iniziare a sviluppare progetti che realizzeremo con il primo impianto produttivo, la Roboze Argo 500“.

“Il nostro obiettivo – ha concluso Poggipolini – è quello di creare un motore, un acceleratore tecnologico per i nostri mercati principali e questo diventerà uno spazio importante ed aperto a tutti i nostri clienti che coinvolgeremo nei nuovi Poc per sviluppare e sperimentare insieme. Metteremo al servizio del territorio e in rete innovazione, industrializzazione e nuove competenze”.